Cerca nel Sito

Rooney e il vizio del gioco: “Scommettevo via telefono, non sembravano soldi veri”

 wayne-rooney-derby-county-2019-20_46klcmn32ezo1xedv94yih400
Rooney confessa il problema col gioco all’inizio della sua carriera: “Ero spesso in ritiro e cercavo di passare il tempo. Poi ho ripagato tutto”.

Dopo essere tornato in Inghilterra con la maglia del Derby County per Wayne Rooney è tempo di confessioni. L’attaccante infatti ha rivelato la sua dipendenza dal gioco d’azzardo all’inizio della carriera.

In particolare Rooney, intervenuto durante un convegno di sensibilizzazione sul tema, ha spiegato come sia iniziato tutto.

“Ero un ragazzo giovane che guadagnava un sacco di soldi. Nelle lunghe trasferte con il club o con la nazionale rimani per lungo tempo in hotel e cerchi qualsiasi distrazione per passare il tempo. Non era difficile scommettere con il telefonino, non mi sembrava nemmeno di scommettere soldi veri. Prima di renderti conto di quello che stai facendo hai già perso un bel po’ di soldi”.

Rooney invece ha perso grosse cifre in pochissimo tempo, tanto da essere condizionato anche nel suo rendimento in campo.

“E’ qualcosa che ti risucchia e ti fa perdere tutto. Quando ti trovi a giocare per il tuo club o per la tua nazionale ma non fai altro che pensare a tutti i soldi che hai perso, questo ti influenza negativamente”.

Fortunatamente però l’attaccante è riuscito ad uscire dal tunnel del gioco d’azzardo.

“Sono riuscito a ripagare tutto e non ho più giocato . Ho imparato dai miei errori. Se continui a giocare perdi di più e rischi davvero di essere risucchiato”.

link all’art.

RelatedPost

Share This Post