Cerca nel Sito

Il Superbonus 110% al 1° luglio 2021: l’analisi Ance dei dati del monitoraggio Enea-Mise

 

super bonus 110 (1)

Risultano 24.503 interventi legati al Superbonus per un ammontare corrispondente di quasi 3,5 mld di euro. Rispetto alla precedente pubblicazione del 3 giugno, si osserva un ulteriore significativo aumento del 32% in termini di numero e del 39,7% nell’importo.

Il Superbonus rappresenta un’occasione straordinaria di sviluppo, sia della lunghissima filiera delle costruzioni, colpita da una crisi ultra-decennale, sia degli obiettivi di sicurezza sismica e di efficientamento energetico. Inoltre, lo strumento fiscale risulta assolutamente coerente con la strategia sottesa al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, approvato a fine aprile dal nostro Governo.

In tal senso, il forte “appeal” della misura continua ad essere pienamente osservabile nel mercato attraverso i dati del monitoraggio Enea-Mise. Al 1 luglio 2021, risultano 24.503 interventi legati al Superbonus per un ammontare corrispondente di quasi 3,5mld di euro. Rispetto alla precedente pubblicazione del 3 giugno, si osserva – evidenzia l’Ance in una nota – un ulteriore significativo aumento del 32% in termini di numero e del 39,7% nell’importo.

La maggior parte degli interventi riguarda edifici unifamiliari e unità immobiliari indipendenti, mentre la quota dei condomini risulta piuttosto ridotta (l’11,2%). L’evoluzione dei dati mostra, comunque, una dinamica di crescita per tale tipologia, ferma restando la maggiore complessità procedurale che rende più difficoltosa la partenza dei lavori rispetto agli interventi su singole unità indipendenti o su edifici unifamiliari.

In termini di importi, gli edifici condominiali rappresentano il 43% circa dell’importo complessivo. Si tratta, ovviamente, di lavori con importo medio importante (oltre 500mila euro), se raffrontato agli interventi su singole abitazioni (circa 90mila euro).

Guardando alla distribuzione regionale si evidenziano nelle prime posizioni Lombardia Veneto e Lazio, seguiti a breve distanza, dalla Toscana. Da rilevare anche le buone performance di quattro regioni meridionali, quali Sicilia, Puglia, Campania e Calabria, entro la decima posizione.

Secondo l’Ance “per consentire al Superbonus di essere pienamente efficace, occorre necessariamente prevedere un provvedimento di proroga immediata dello strumento, almeno fino al 2023. In caso contrario, a breve, cominceranno a bloccarsi le nuove iniziative perché non si potrà garantire, in alcun modo, la conclusione degli interventi.

Senza una proroga immediata, è anche difficile prevedere un efficace coinvolgimento del settore bancario nel ruolo di acquirente dei crediti fiscali e soggetto finanziatore delle iniziative.

Parallelamente, un tempo più lungo, agevolerebbe i produttori ad aumentare la propria offerta e sarebbe sufficiente ad ammortizzare gli investimenti necessari per tale incremento produttivo.

Il nostro paese non può permettersi di perdere questa occasione, poiché con questa agevolazione è possibile finalmente ottenere il top dell’efficientamento energetico e della messa in sicurezza sismica degli immobili delle famiglie italiane, contribuendo in modo fondamentale a vedere realizzato quel processo di rigenerazione urbana del quale l’Italia ha tanto bisogno”.

Link all’articolo