Cerca nel Sito

Dove sono finiti gli uccelli delle isole?

uccelli

Negli ultimi 50.000 anni, gli esseri umani hanno causato l’estinzione di centinaia di specie di uccelli, soprattutto quelli grandi e incapaci di volare che vivevano nelle isole.

Secondo il nuovo studio “Big, flightless, insular and dead: Characterising the extinct birds of the Quaternary”, pubblicato sul Journal of Biogeography da  Amir Fromm del  Weizmann Institute of Science r da Shai Meiri dell’università di Tel Aviv e del Weizmann Institute  «Negli ultimi 20.000 – 50.000 anni gli uccelli hanno subito un grave evento di estinzione, causato principalmente dall’uomo, che ha portato alla scomparsa di circa il 10 –  20% di tutte le specie aviarie».

La stragrande maggioranza delle specie estinte condivideva diverse caratteristiche: erano grandi, vivevano su isole e molte di loro erano incapaci di volare.

I ricercatori israeliani sottolineano che «Oggi, la principale causa di estinzione delle specie da parte dell’uomo  si è evoluta dalla caccia alla distruzione degli habitat naturali degli animali», ma sperano che le loro scoperte «Servano come segnali di pericolo per le specie di uccelli attualmente minacciate di estinzione».

Meiri spiega: «Abbiamo condotto una revisione completa della letteratura scientifica e per la prima volta abbiamo raccolto dati quantitativi sui numeri e sui tratti delle specie di uccelli estinte in tutto il mondo. Quelle che si sono estinte negli ultimi 300 anni circa sono relativamente ben note, mentre le specie precedenti sono note alla scienza dai resti trovati in siti archeologici e paleontologici di tutto il mondo. Complessivamente siamo stati in grado di elencare 469 specie di uccelli estinte negli ultimi 50.000 anni, ma crediamo che il numero reale sia molto più alto».

I due ricercatori ritengono che «La vasta estinzione sia stata causata principalmente dagli esseri umani che cacciavano gli uccelli per il cibo, o da animali portati sulle isole dagli umani, che si nutrivano degli uccelli e/o delle loro uova. Questa ipotesi si basa sul fatto che la maggior parte dei resti di uccelli è stata trovata in siti umani, erano apparentemente appartenenti a uccelli consumati dagli abitanti e, nella maggior parte dei casi, le estinzioni sono avvenute poco dopo l’arrivo dell’uomo.

La maggior parte delle specie estinte condivideva tre caratteristiche principali: Circa il 90% di loro viveva sulle isole – Quando gli esseri umani arrivano su un’isola, cacciavano gli uccelli, oppure l’avifauna autoctona cadde vittima di altri animali introdotti dall’uomo, come maiali, ratti, scimmie e gatti. La maggior parte delle specie di uccelli estinte erano grandi, alcune molto grandi – La massa corporea delle specie estinte è risultata essere fino a 10 volte più grande di quella delle specie sopravvissute. Gli uccelli più grandi fornivano all’uomo una grande quantità di cibo, quindi erano un bersaglio preferito per i cacciatori. Precedenti studi avevano riscontrato un fenomeno simile tra mammiferi e rettili, in particolare lucertole e tartarughe che vivevano sulle isole: quelle più grandi furono cacciate dall’uomo e si estinsero. Una gran parte delle specie di uccelli estinte erano incapaci di volare e spesso incapaci di sfuggire ai loro inseguitori – Lo studio ha scoperto che il numero di specie di uccelli incapaci di volare estinte è il doppio del numero di specie incapaci di volare ancora esistenti oggi. In tutto, si è estinto il 68% delle specie di uccelli incapaci di volare note alla scienza. Uno degli esempi più noti è il moa in Nuova Zelanda: a causa della caccia da parte dell’uomo 11 specie di moa si sono estinte nel giro di 300 anni.

Meiri conclude «Il nostro studio indica che prima del grande evento di estinzione dei millenni passati, molti altri uccelli grandi, persino giganti e incapaci di volare vivevano sul nostro pianeta, e la diversità degli uccelli che vivevano sulle isole era molto maggiore di oggi. Ci auguriamo che le nostre scoperte possano essere segnali di allarme per le specie di uccelli attualmente a rischio di estinzione, ed è quindi importante verificare se hanno caratteristiche simili, ma va notato che le condizioni sono notevolmente cambiate e oggi la principale causa di l’estinzione delle specie da parte dell’uomo non è la caccia, ma piuttosto la distruzione degli habitat naturali».

Link all’articolo