Cerca nel Sito

Terna e le batterie a supporto della rete elettrica nazionale

rinnovabili

Terna, con il Piano strategico 2015-2019 presentato a Londra il 26 marzo, ha fatto sapere che proseguirà lo sviluppo di sistemi di accumulo e di sistemi cosiddetti “smart”, localizzati soprattutto nelle isole maggiori e nel Sud Italia a supporto della rete: 75 MW di potenza di accumuli elettrici realizzati e in corso di realizzazione.

Terna, con il Piano strategico 2015-2019 (vedi anche slidepresentate a Londra lo scorso 26 marzo), ha fatto sapere che proseguirà lo sviluppo di sistemi di accumulo e di sistemi cosiddetti “smart”, localizzati soprattutto nelle isole maggiori e nel Sud Italia.

Proprio nel settore delle smart grid Terna può vantare oggi un primato: un progetto sperimentale chiamato Storage Lab, uno dei primi impianti multi tecnologici al mondo. E’ un progetto che consente di testare l’efficienza e la potenza delle diverse tecnologie esistenti per l’uso ottimale delle batterie per lo storage elettrico, al servizio della sicurezza e dei minori costi per la rete.

Terna ha oggi 75 MW di potenza di accumuli elettrici realizzati e in corso di realizzazione, batterie a supporto della rete elettrica, che la società afferma necessarie vista anche la forte crescita delle rinnovabili che possono a volte creare instabilità nella rete elettrica italiana. Questi impianti sono distribuiti tra Campania, Sicilia e Sardegna.

In Campania ci sono 35 MW di capacità su tre siti: 12 MW a Ginestra (BN), 12 MW a Flumeri (AV) e 12 MW a Scampitella (AV). Hanno lo scopo di risolvere lecongestioni di rete, i cosiddetti “colli di bottiglia”.

Per la gestione sicura della rete, Terna ha un processo in due fasi, per una capacità complessiva di 40 MW. Per la fase 1 in Sicilia, località Ciminna (PA), sono previsti 8 MW di capacità, 3,2 MW dei quali completati. In Sardegna, località Codrongianos (SS), su 8 MW di capacità previsti ne sono stati completati 5,4 MW.

Per la fase 2 sono previsti 24 MW con Casuzze (RG) e di nuovo Codrongianos che ancora devono partire. Ginestra e Flumeri, segnala Terna, sono tra le maggiori installazioni di questo genere in Europa (vedi figura, clicca per ingrandire)

link all’art.

RelatedPost

Share This Post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>